Karate Do
  • Introduzione
  • Karate Do Bimbi e Ragazzi
  • Karate University
Shaolin Chuan Hatha Yoga
Tai Chi Chuan
  • Introduzione
  • I Benefici
  • Le Origini
  • La Pratica
Rebirthing
  • Introduzione
  • Il Rebirthing
  • Respirazione e attacchi di panico
  • La tecnica
  • A chi può essere utile
  • Come sperimentarlo
  • Associazione A.R.A.T.
  • Dove si pratica
  • Corsi e seminari
  • Scuola di Rebirthing
  • Tesi, articoli e documenti
  • Nuova tesi sul Rebirthing
Shiatsu Riflessologia Plantare Difesa Personale Jodo
Home Il Centro
Attività
  • Gli Orari
  • Difesa Personale
  • Jodo
  • Karate Do
  • Shaolin Chuan
  • Rebirthing Transpersonale
  • Riflessologia Plantare
  • Massaggio Shiatsu
  • Tai Chi Chuan
  • Yoga
Insegnanti Eventi Galleria Letture Link

Rebirthing Transpersonale

Introduzione
Il Rebirthing
Respirazione e attacchi di panico
La tecnica
A chi può essere utile
Come sperimentarlo
Associazione A.R.A.T.
Dove si pratica
Corsi e seminari
Scuola di Rebirthing
Tesi, articoli e documenti
Nuova tesi sul Rebirthing

"Inspirando io calmo il mio corpo, espirando io sorrido. Soffermandomi sul presente so che questo è un momento meraviglioso"
Thich Nhat Hanh



Al giorno d'oggi i disturbi di attacchi incontrollati di ansia e paura, colpiscono un'amplissima fascia di popolazione e la scienza ufficiale affronta il problema con psicofarmaci ottenendo incerti risultati.
Solo da pochi anni il D.A.P. (disturbo da attacchi di panico), si trova nell'importante manuale diagnostico e statistico redatto dalla American Psychiatric Association come vera e propria malattia, che pare colpisca oltre il 5% della popolazione.
Questo disturbo non risparmia persone altresì sane e realizzate.
L'esame di tutti i casi incontrati o di cui si è a conoscenza, dimostrano che la sintomatologia che innesca il panico ha moltissimi punti in comune con le sensazioni indotte dall'iperventilazione. Studi approfonditi hanno portato alla constatazione che i sintomi di iperventilazione (capogiro, formicolio alle mani, timore di perdere il controllo emotivo, vertigine e paura) sorgono con estrema facilità e rapidità in coloro che inconsapevolmente sono in condizione di subventilazione.
E' sufficiente un breve periodo di tensione psicologica per indurre soggetti sensibili ad una respirazione incompleta, a cui seguirà poi una grande predisposizione a fenomeni di iperventilazione spontanea, causati dai tentativi dell'organismo di ristabilire una respirazione libera.
Chi si cimenta con questa tecnica di respirazione è preparato ad affrontare queste sensazioni ed è rassicurato dal fatto di sapere che esse non sono pericolose e che sono anzi benefiche e transitorie.
E' ovvio che respirare liberamente, in un contesto appropriato, non può comportare pericolo. Al contrario quando queste stesse sensazioni si manifestano spontaneamente in individui che non sanno cosa stia loro accadendo, e che le considerano disturbi fisici o psichici, è spesso inevitabile che si manifesti il senso di panico.
Quando fenomeni catartici prendono il controllo della coscienza la stragrande maggioranza degli individui, inconsapevole dell'alterazione del respiro che ha innescato il meccanismo, si irrigidisce con reazioni difensive che aumentano la tensione e generalmente portano a stati ipocondriaci.
Nella maggior parte dei casi di D.A.P. una sola crisi innesca il timore ch'essa possa nuovamente manifestarsi nelle circostanze in cui è stata sofferta la prima volta.
Il soggetto ha inconsciamente paura di respirare liberamente, teme che lasciandosi andare a qualcosa che ha "dentro" potrebbe perdere il controllo.
Chi ha avuto la prima crisi in aereo inizierà a non poter più viaggiare con quel mezzo, e facilmente inizierà ad evitare ogni altro mezzo di trasporto, nel timore che quel qualcosa di strano ed incontrollabile possa accadere, magari in pieno traffico.
Alcuni incominciano a poter guidare solo se accompagnati, per poi restringere ancora lo spazio di movimento, sino a giungere nei casi più gravi, a temere perfino d'uscir di casa. A volte è sufficiente un solo episodio di panico perché si inneschi la sindrome associata alla paura che il sintomo si manifesti di nuovo, e questo paralizza le attività con immaginabile sofferenza psicologica.
Molti individui sia in Italia che all'estero, colti da una crisi di panico, avevano ricevuto dai medici consultati, risposte incerte, cure inefficaci, e le diagnosi più diverse, dall'isteria all'epilessia, alla generica definizione di "attacco nervoso".
Generalmente nei ricoveri di "Pronto Soccorso" accade la stessa cosa e l'intervento è limitato alla somministrazione di Valium o di ansiolitici. Attualmente la terapia più comune è la somministrazione di antidepressivi.
Quanto accade in queste situazioni, avrebbe rapida soluzione, e la causa ed il sintomo sarebbero definitivamente curati, se l'attenzione fosse volta alla radice del problema, lavorando sulla respirazione stessa.
Invece di rallentare e ridurre la respirazione con dei farmaci, si dovrebbe riconoscere che essa stessa é il sistema di cura naturale attuato dall'organismo, e che la guarigione viene dal favorire questo fenomeno, senza temerne le momentanee manifestazioni fisiche ed emotive, che sono parte integrante del processo di liberazione. Si deve insegnare al soggetto a respirare, ed eliminare, con appropriati esercizi, lo stato di subventilazione causata da quella tensione muscolare che in bioenergetica viene definita "corazza psicosomatica".
Respirare profondamente seguiti da una guida esperta, permette di superare rapidamente il momento d'ansia.
Il soggetto riconosce che il respiro non può essere dannoso e comprende che le sensazioni di formicolio paralisi ed anestesia che accompagnano l'esperienza sono naturali risposte dell'organismo precedentemente mantenuto in stato di subventilazione. Scompare così il timore di qualche oscuro male o dell'irrompere dello squilibrio mentale.
Cadute le difese e le resistenze, è facile che persone poco prima spaventate e a disagio, erompano raggianti in una fragorosa risata.
Un ciclo respiratorio completo, che può durare dalla mezz'ora alle due ore, termina con piacevolissime sensazioni di rilassamento e pace. Sorprendentemente si può constatare che i sintomi, momentaneamente riemersi durante la seduta, non si manifesteranno più nelle sessioni successive, e che queste trasformazioni positive tendono a permanere e svilupparsi nella vita di ogni giorno.
I medici generici spesso hanno poca dimestichezza con i fenomeni psichici associati alla respirazione: quando prendono in considerazione il respiro ne guardano più gli aspetti patologici che le proprietà terapeutiche.
Si constata spesso in alcuni di loro idee imprecise e preconcette per quanto concerne i fenomeni associati all'iperventilazione.
Si crede comunemente che respirando "troppo" si induca una serie di sintomi legati ad alcalosi e tetania, e che queste sensazioni inducano ansia e panico. Si ricorda che, sino ad una decina d'anni fa, in alcuni ospedali Americani, oltre alla somministrazione di Valium, si faceva respirare il paziente in un sacchetto di carta per ridurre "l'ossigenazione". E' di estrema importanza veder chiaro in questo campo, se si vogliono risolvere i problemi di tanti individui che soffrono di disturbi, mitigati solo temporaneamente dagli psicofarmaci.
Chi sperimenta questa tecnica, dopo poche sessioni, non soffre più di alcun sintomo di iperventilazione anche respirando molto profondamente e a lungo; prova solo sensazioni di lucidità ed euforia, e constata la totale scomparsa dell'ansia, non solo durante la respirazione, ma in ogni situazione, e può riprendere una felice vita attiva di benessere e sicurezza.
Il rapporto tra la respirazione, e le emozioni represse, appare chiarissimo quando vediamo una persona che tesa e contratta durante la prima fase dell'esercizio, si libera istantaneamente da ogni rigidità ed ogni altro sintomo associato all'iperventilazione, appena si lascia andare ed entra in contatto cosciente con emozioni represse, ed i ricordi associati.
La medicina tradizionale non conosce ancora le possibilità terapeutiche di questo semplice approccio al D.A.P..
Sarebbe di grande beneficio collettivo l'introduzione di questa tecnica, come il più comune degli interventi.

Via Venezuela, 3 – 20151 Milano - C. F. 97276500150 - Tel. 02 38 00 55 75 - Cell. 338 32 55 441 - dharmadhatu@tiscali.it
Home | Il Centro | Attività | Insegnanti | Eventi | Galleria | Letture | Link
© 2009 copyright Dharmadhatu all rights reserved / Privacy / site by Giordano Vecchi